STERILIZZAZIONE FELINA

La convivenza con un animale da compagnia è un abitudine sempre più diffusa. In  Italia si stima che ci siano circa 60 milioni di pets che condividono la quotidianità con i loro amici a due zampe. È però una scelta di vita di cui bisogna essere consapevoli e ben sicuri delle responsabilità che necessita. Infatti un animale che entra a far parte del nucleo familiare diventa a tutti gli effetti un membro della famiglia. Ogni singolo animale ha delle esigenze specifiche da non sottovalutare. Bisogna infatti informarsi sempre sulle necessità e sulle cure di cui il nostro amico avrà bisogno prima di decidere di adottarne uno.

In particolare se si decide di adottare un gatto, che sia maschio o femmina, bisogna  valutare l’intervento di sterilizzazione con il veterinario verso i sei mesi di vita, per migliorare la sua salute e prevenire alcune malattie nel corso della sua vita.

ALIMENTAZIONE IDEALE IN CASO DI STERILIZZAZIONE

Oltre alla sterilizzazione è opportuno modificare l’ alimentazione del piccolo felino utilizzando prodotti specifici da gatti giovani ma sterilizzati. Sono ideali ad esempio Royal Canin Young Male, per il gatto maschio, e Royal Canin Young Female, per il gatto femmina. E’ indicata anche semplicemente una crocchetta specifica da gatto sterilizzato. L’alimentazione è importante in questa fase di vita perchè lo aiuta a mantenere il peso ideale e allo stesso tempo aiuta il suo sistema urinario a restare pulito e libero da scorie.

In un gatto sterilizzato anche il consumo delle calorie risulta minore e per questo bisogna diminuire l’apporto calorico.

In commercio esistono appositi  e svariati mangimi per gatti sterilizzati, che sostanzialmente contengono una quantità minore di lipidi che stimolano la funzionalità renale e aiutano l’assorbimento dei grassi.

Proprio per questa limitazione nello smaltimento delle calorie introdotte è importante che la nostra pantera di casa si muova molto. Fate giocare il vostro amico con giochi interessanti, interattivi o palestre per gatti che lo impegnino fisicamente, evitando così  un eccesso alimentare causato dalla noia.

Un ultimo suggerimento è di non fargli mai mancare acqua fresca. Per rendere la cosa facile, possiamo posizionare varie ciotole nelle stanze dal micio, avendo cura di cambiarla quotidianamente.

L’INTERVENTO CHIRURGICO DELLA STERILIZZAZIONE

Sia che riguardi un micio maschio che una femmina l’ intervento chirurgico con anestesia, senza effetti collaterali, può causare però dei cambiamenti nella  sua vita sociale e nelle sue esigenze alimentari. La sterilizzazione è fondamentale per il singolo soggetto, ma anche per la comunità felina. Prevenendo la ricerca dell’accoppiamento, si evitano occasioni di contagio di malattie infettive. Solitamente l’operazione consiste nell’asportazione degli organi sessuali interni come testicoli, ovaie e/o utero. Essi evitano la riproduzione degli ormoni necessari al calore ed eliminano così anche l’istinto all’accoppiamento.

Consigli
Non dimenticare mai:

  • Una volta fatta l’operazione, l’alimentazione si dovrà adattare al suo metabolismo ridotto, quindi stiamo attenti a non esagerare con le dosi!
  • Nel gatto sottoposto a tale intervento il metabolismo energetico si riduce, avendo anche meno propensione ad uscire di casa (ma ogni animale reagisce in modo diverso) quindi è bene controllarlo spesso.
  • Ricordatevi che se rimane comunque attivo ed ha la possibilità di uscire (ad esempio installando le apposite porte basculanti nei muri, nei vetri o nella porta d’ingresso) il rischio di obesità sarà limitato.